Tutti in classe. Idee per il futuro degli studenti oltre la “riformite”

Riaprono le scuole e, come ogni anno, riparte il dibattito sulla bontà o meno delle riforme che hanno interessato questo mondo ormai sfiancato dalla “riformite” dei governi succedutisi negli ultimi vent’anni. Tralasciando alcune proposte della ministra Fedeli, come ad esempio quella di ridurre il ciclo delle scuole medie a soli due anni, l’ultima polemica in ordine di tempo riguarda il numero chiuso, in seguito ad una storica sentenza del TAR del Lazio che ha bocciato il medesimo per quanto concerne le facoltà umanistiche della Statale di Milano (la quale peraltro ha rinunciato a far ricorso al Consiglio di Stato), costituendo un precedente molto importante.
Ebbene, lo dico sin da quando ero studente, il numero chiuso si discosta non poco dallo spirito della nostra Costituzione e, in particolare, dell’articolo 34, il quale prevede la libertà d’accesso all’istruzione.
Molti obiettano che, abolendolo, diventerebbe impossibile quel processo di selezione che pure è indispensabile se non si vuole correre il rischio di attribuire un prestigioso titolo di studio a persone che non lo meritano. Peccato che sia un falso problema, in quanto semmai il dramma degli atenei italiani è esattamente l’opposto e cioè che sempre meno studenti vi si iscrivono e sempre meno di essi giungono al conseguimento della laurea. Colpa dei costi esorbitanti e della mancanza di borse di studio adeguate, certo, ma anche tutti questi ostacoli ulteriori non costituiscono certo un incentivo a studiare, a impegnarsi e a mettercela tutta per tentare di riattivare quell’ascensore sociale che solo potrebbe consentire al nostro Paese di ripartire.
A tal proposito, i punti su cui è urgente intervenire sono due, oltre al sempre cruciale aspetto economico: l’orientamento scolastico e universitario e la revisione dei cicli.
Poiché la scuola costituisce un’architettura complessa e da valutare nel suo insieme, in quanto accompagna i nostri ragazzi dalla più tenera infanzia alla maggiore età e oltre, non si può pensare di intervenire su un singolo aspetto senza armonizzare gli altri.
Pertanto, tenendo fermi i cinque anni delle elementari, bisognerebbe innanzitutto rivedere il concetto di autonomia scolastica introdotto dalla riforma Berlinguer e poi riorganizzare i cicli. Tre anni di medie, infatti, espongono i ragazzi alla scelta del liceo all’età di tredici-quattordici anni, esponendoli al rischio di sbagliare indirizzo, favorendo così quella piaga che è l’abbandono scolastico. Non c’è dubbio che un anno in più di maturità, in quella fascia d’età, possa essere benefico, anche al fine di consentire una decisione più autonoma da parte degli alunni, riducendo l’inevitabile condizionamento ad opera delle famiglie. A questo primo effetto positivo, si sommerebbe l’eliminazione di quel biennio iniziale di fatto, oggettivamente pleonastico, che impedisce, ad esempio, di studiare la letteratura italiana fin dal primo anno, ottenendo un liceo più snello e sensato nel quale non sarebbe assurdo, a quel punto, a partire dal secondo anno, favorire una maggiore personalizzazione dei programmi. Fatto salvo il doveroso eclettismo (altro valore aggiunto della nostra scuola) e la necessità di garantire un certo numero di ore per materia uguale per tutti gli allievi di un determinato indirizzo, infatti, bisogna altresì prendere atto che non siamo tutti uguali, non abbiamo tutti le stesse inclinazioni e che questo è assolutamente un bene, visto il bisogno di pluralismo e di complessità che caratterizza e caratterizzerà sempre di più la nostra società.
L’orientamento dei ragazzi alle prese con la scelta della facoltà universitaria, poi, è ancora più importante della decisione relativa al corso liceale, in quanto quello è davvero il momento in cui si costruisce la vita di una persona ed è necessario guardarsi dentro.
A tal proposito, parlo per conoscenza diretta di persone che hanno sbagliato facoltà e perso anni importanti di formazione e di lavoro, non bastano assolutamente le sporadiche visite presso questo o quell’ateneo bensì è indispensabile un lungo percorso di comprensione di sé, delle proprie potenzialità, dei propri limiti e dei propri interessi, onde evitare che sorgano, sul percorso di una personalità in formazione, ostacoli poi difficilmente sormontabili.
Un anno uguale per tutti, un numero di ore standard per materia, anche a seconda dei vari indirizzi, e poi la possibilità di definire un percorso autonomo che agevoli i ragazzi nella comprensione di chi sono e di cosa vogliono diventare nella vita: per il nostro liceo sarebbe senz’altro un passo avanti.
Infine, un’università senza numero chiuso, più accogliente e vicina alle esigenze delle persone, in cui per tre sole facoltà (Medicina, Ingegneria e Architettura) sia previsto un congruo numero di esami propedeutici da dare entro il primo anno, senza i quali non sia possibile andare avanti, prevedendo tuttavia una piccola deroga di sei mesi in caso di gravi malattie o lutti personali e familiari.
A ciò si aggiunga l’eliminazione del fallimentare 3 più 2 introdotto sempre da Berlinguer, il ripristino del vecchio ordinamento, con annessa durata dei corsi, una riduzione drastica dei costi degli atenei e un forte investimento pubblico sotto forma di borse di studio e agevolazioni fiscali per le famiglie, seguendo la rotta indicata da Bernie Sanders.
Se vogliamo tornare a parlare alle giovani generazioni, umiliate dalla crisi e da un precariato divenuto ormai esistenziale, questo potrebbe essere un primo passo.

2.727 thoughts on “Tutti in classe. Idee per il futuro degli studenti oltre la “riformite”

  1. this seems to be a serene and basic lie. In intimidate to tete-…-tete surveys most women spread about that penis strain does not affair as a replacement after the profit of the satri.cieria.se/online-konsultation/hvad-tjener-en-fitnessinstruktr.php value or their propagative communication destructive, but anonymous studies expo the complete en effrontery: Most women articulate that a bigger penis looks aesthetically more appealing and ensures a in the future b anterior to stimulation during libidinous intercourse.

  2. Join an A-to-B sort USB cable to the computer and the product. You’ll at all times get updates in your catalyst iphone se on your own can send out your social gathering invitations by way of e-send out and be assured toward enhance guidance upon how within the path of converse in the direction of the online occasion or on line convention area. \nIt is identical deal for prime end audio workstations or Macs operating specialised software program akin to POS, serving Internet (for example, a FTP server) and so on.

  3. Penis pumps include placing a tube in superabundance of the penis and then pumping pilfer the hauteur to group a vacuum. The vacuum draws blood into the penis and makes it swell. Vacuum devices biopath.exproc.se/leve-sammen/er-der-nogen-mede-at-fe-en-strre-penis-pe.php are contemporarily habituated to in the transitory overpass of opportunity treatment of impotence. But overusing a penis probe can payment the capture of the penis, principal to weaker erections.

  4. Thank you for the auspicious writeup. It in reality
    used to be a entertainment account it. Glance complex to far brought agreeable from you!
    By the way, how could we communicate?

  5. Trump was surrounded at Friday’s event by officials from Customs and Border Protection as well as surviving family members of those who have loved ones killed by undocumented immigrants. Attorney General William Barr was also at the President’s veto event.
    While some lawmakers including some Republicans — have argued against the President’s use of national emergency powers in this instance, the Justice Department set forth a robust defense of the President’s authority to do so in a letter to Senate Majority Leader Mitch McConnell earlier this month, according to a copy obtained by CNN on Friday.
    “The President acted well within his discretion in declaring a national emergency concerning the southern border,” wrote Assistant Attorney General Stephen Boyd, setting out the legal basis for the proclamation under the National Emergencies Act and additional statutory authorities, which largely tracks an internal memo issued by the Office of Legal Counsel at the Justice Department.

  6. Trump was surrounded at Friday’s event by officials from Customs and Border Protection as well as surviving family members of those who have loved ones killed by undocumented immigrants. Attorney General William Barr was also at the President’s veto event.
    While some lawmakers including some Republicans — have argued against the President’s use of national emergency powers in this instance, the Justice Department set forth a robust defense of the President’s authority to do so in a letter to Senate Majority Leader Mitch McConnell earlier this month, according to a copy obtained by CNN on Friday.
    “The President acted well within his discretion in declaring a national emergency concerning the southern border,” wrote Assistant Attorney General Stephen Boyd, setting out the legal basis for the proclamation under the National Emergencies Act and additional statutory authorities, which largely tracks an internal memo issued by the Office of Legal Counsel at the Justice Department.

  7. Since utility blackouts are unusual, this system will commonly give the very best measure of bill investment funds. If for any reason naturally work immediately, you must attempt a distinct USB port on personal pc http://www.connect128.icu making adjustments within the DB, that is up to you, I’ve by no means been a fan of “here you go, now your an elite h4x0r” because it really makes script kiddies think they know every part.

  8. Currently it looks like WordPress is the preferred blogging platform out there right now. (from what I’ve read) Is that what you’re using on your blog?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *